Valvola EGR: cos’è, a cosa serve, problemi, pulizia e costi

Valvola EGR: cos’è, a cosa serve, problemi, pulizia e costi

Tra i risultati dei protocolli ambientali stabiliti dall’Unione Europea, l’adozione della valvola EGR è senza dubbio molto dibattuta. Come sancito in primis dal Regolamento UE 1628/2016, i veicoli che rientrano in determinati range di emissione devono essere dotati di un sistema per il ricircolo dei gas esausti. Accade, però, che riducendo da un lato il costo ambientale che la collettività avrebbe sopportato con quelle emissioni, dall’altro si aumenta il costo sostenuto dal proprietario per le problematiche e i difetti che scaturiscono dall’utilizzo, troppo spesso urbano, del veicolo. Tanti sono i costi per pulirla o per sostituirla (anche rigenerata), che talvolta si arriva a cercare di tapparla o eliminarla del tutto, in barba agli standard di emissione Europei.

Toyota-Yaris-1.4-egr-costo-problemi-pulizia-spray-per-pulire-additivo-prodotto

Cos’è la valvola EGR

E.G.R. è l’acronimo di Exhaust Gas Recirculation, le cui prime applicazioni si devono alla General Motors. Siamo negli anni ’70.

Oggi, la valvola EGR è in realtà la punta dell’iceberg di un sistema – infatti spesso si parla di gruppo EGR – che si pone l’obiettivo di calmierare gli inquinanti grazie alla re-immissione in circolo dei gas di scarico. Semplicisticamente, tali gas inerti (NdR: chimicamente inattivi, quindi non partecipano al processo di combustione), vanno nel collettore di aspirazione, così da avere una temperatura più bassa all’interno dei cilindri e quindi nello scarico. L’abbassamento di temperatura, ostacolando la formazione degli ossidi di azoto (NOx), produce una riduzione delle emissioni nocive nell’ambiente.

Per capire meglio a cosa serve, come si comporta e quando si apre esattamente dobbiamo, però, entrare più nel dettaglio del suo funzionamento.

Toyota-Yaris-1.4-egr-sistema-tappare-apertura-in-corto-spia-elettrica-stelo-valvola
Meccanismo azionatore apertura valvola // Toyota Yaris 1.4

A cosa serve la valvola EGR

Innanzitutto premettiamo che non tutti i gas inerti vengono re-immessi in circolo: dalle analisi si evince un loro impiego pari al 10% (±5). Questo range è sufficiente per gli obiettivi di abbattimento poiché si tratta di inerti privi di ossigeno, i quali andranno prima a passare nello scambiatore di calore, registrando una conseguente riduzione della temperatura, poi ad essere mescolati con l’aria aspirata dal motore (tramite l’apposito condotto). Il tutto ad opera dal gruppo EGR che si trova sul collettore di scarico (o comunque collegato ad esso tramite tubazione rigida) e si può avvalere anche di più valvole EGR, solenoide, cablaggi e perfino un motorino elettrico che detta il ritmo delle aperture per il passaggio dei gas esausti.

Il gruppo EGR è orchestrato dalla centralina motore (ECU), che, a precise condizioni (come medi regimi, pressione collettore favorevole, temperatura sonda lambda ecc.), apre la valvola man mano che ci si avvicina al termine del ciclo di scarico utile.

toyota-yaris-valvola-egr-escludere-difettosa-sintomi-pulirla-senza-smontarla-consumi-disattivata-minimo-irregolare
Dettaglio fungo stelo valvola EGR

Nota: i gas di scarico sono più efficaci nel ridurre i NOx se raffreddati prima di essere trascinati nei cilindri: il condotto, infatti, è spesso progettato per essere lungo, cosicché che i gas di scarico vengano meglio raffreddati prima di passare per la valvola.

É intuitivamente semplice capire che un sistema del genere tende spesso a presentare problemi di varia natura. Ciò accade poichè si cerca di demandare l’azione di smaltimento dei NOx agli stessi che li producono (i.e. i veicoli), attraverso un congegno che cerca di limitarne la quantità emessa prima che si raggiunga l’ambiente esterno.

Per par condicio, dobbiamo sottolineare che un vantaggio desunto è la migliore gestione delle detonazioni: l’EGR è in grado di controllare il rapporto tra alta pressione e calore, sincronizzando e talvolta anticipando l’accensione senza incorrere in pericolose detonazioni.

Inoltre, sappiamo che il beneficio ambientale e collettivo della valvola EGR è pacifico (con i raggi solari, i NOx reagiscono con gli idrocarburi dell’atmosfera e generano ozono e/o smog inquinanti). Meno pacifici però, sono i costi derivanti dai suoi difetti. Vediamoli.

valvola-egr-come-sbloccarla-egr-a-depressione-pulirla-con-wd40-pulirla-con-benzina-perchè-si-intasa-senza-smontarla
Scambiatore valvola EGR

Problemi e guasti

Abbiamo casistiche abbastanza eterogenee che vanno dall’intasamento, al malfunzionamento e rumorosità generale, dal minimo irregolare alla fumosità di scarico, dalla perdita di potenza ai ritardi in accensione fino alla rottura della valvola vera e propria.

Per puntualizzare, alcuni sintomi sono in realtà cause, altre concause e altre ancora conseguenze indirette.

depositi-carboniosi-ossido-azoto-pm10-particolato-egr-inquinamento-vacuum
Raccordo valvola EGR – collettore di aspirazione

Valvola EGR bloccata o tappata

Analizziamo il caso più frequente, ossia quello di trovarsi di fronte ad una EGR otturata.

Ciò accade quando la valvola e il relativo condotto sono aggressivamente attraversati dai gas di scarico esausti in condizioni di temperatura interna non ottimali.

Quindi perchè si intasa? Pensiamo ad un utilizzo prettamente urbano del veicolo a gasolio: la temperatura di esercizio non raggiunge i livelli ottimali per la fisiologica espulsione dei gas inerti e dei depositi carboniosi, il cui accumulo porterà inevitabilmente al blocco.

Il fumo nero è un primo segnale di avvisaglia in questi casi, magari accoppiato alle spie anomalia motore (MIL, Malfunction Indicator Light) e anomalia inquinamento. Ci si accorge poi spesso di un taglio nella reattività dell’auto, consumi anomali e rumorosità. Non solo, un’eccessiva contropressione all’interno del collettore di aspirazione viene letta dal sensore di pressione assoluta (montato sul collettore stesso), fino a che non viene raggiunto un livello di intasamento tale da rendere impossibile la lettura e dunque la comunicazione con la centraline che non può far altro che andare in compensazione.

Teniamo sempre presente che il gruppo EGR è anch’esso parte di un sistema più complesso: le anomalie si ripercuotono anche su altri componenti quali debimetro, corpo farfallato o FAP. In particolare, quando la spia anomalia motore (MIL) segnala il difetto della valvola EGR, la centralina motore può non autorizzare la rigenerazione del FAP, con tutte le conseguenze del caso.

escludere-valvola-egr-off-centralina-iglesias-cagliari-oristano-sassari-passa-revisione-sanzioni

Abbiamo due macro-casi più frequenti:

  • Valvola EGR bloccata in apertura: quindi meno aria fresca verso il motore, partenze ritardate, quantità anomale di gas inerti in aspirazione e combustione compromessa;
  • Valvola EGR bloccata in chiusura: quindi maggiori emissioni nocive, andamento irregolare del motore e può anche andare in corto la parte elettrica.

Soluzioni: pulizia, sostituzione ed eliminazione

Ad oggi, abbiamo a disposizione diverse soluzioni per trattare la valvola EGR difettosa.

Pulizia della valvola EGR

Tempo richiesto: 1 ora e 30 minuti.

Pulizia

  1. Pulire l’EGR senza smontarla

    Operazione sconsigliata in quanto gli effetti non sono il linea con le aspettative. Esistono comunque degli spray e dei prodotti chimici in commercio dalla dubbia efficacia.

  2. Pulizia approfondita della valvola EGR

    Per sbloccarla, consigliamo invece lo smontaggio fisico della tubazione e la pulizia con solventi appositi (non utilizziamo il classico WD40 o la benzina per intenderci).

  3. Collaudo e apprendimento

    Il check andrebbe eseguito prima del montaggio: colleghiamo il connettore alla valvola, con il banco diagnosi avviamo il test “prova componenti” e conseguente apprendimento valori. In questo modo potremo apprezzare sia il funzionamento visivo che le misure % di apertura/chiusura.

come-rimuovere-valvola-egr-bloccata-iglesias-oristano-cagliari-sassari-officina

Sostituzione della valvola EGR rotta

La sostituzione è un’operazione generalmente complessa che richiede buona manualità e dev’essere attuata quando non è possibile sbloccarla con la semplice pulizia oppure quando è restata sporca troppo a lungo (in questi casi infatti le disincrostazioni sarebbero molto dannose).

Spesso, può rivelarsi necessario lo smontaggio dell’intero gruppo EGR-scambiatore-tubazione (ad es. molti veicoli del gruppo VAG), fornito completo dalla casa madre.

Vediamo un esempio per una Peugeot 207 1.4 HDi. Dopo aver smontato la cassa filtro e il filtro gasolio completo, ecco dove si trova la valvola EGR (con il suo scambiatore):

In questi casi, consigliamo in aggiunta allo smontaggio della valvola EGR e della sua tubazione, anche quello del collettore di aspirazione con conseguente pulizia dello stesso: questo poichè esso agisce da “cassa di deposito” di tutti quegli inquinanti analizzati sopra, nocivi per la salute del motore.

Costi

Dal punto di vista dei costi, questi variano a seconda si tratti di una valvola EGR nuova o rigenerata, ma sopratutto in base alla tipologia di veicolo e relativa marca. A livello meramente esemplificativo, vediamo il prezzo di una sostituzione gruppo EGR per motore VAG (Golf6, Tiguan, ecc.):

  • Gruppo valvola EGR compatibile (non OEM), ma di elevata qualità: 400€ ca.;
  • Antigelo 5L: 25€ ca.;
  • Fascette e altro materiale di consumo: 10€;
  • Manodopera (MOD): 250€.
valvola-egr-prezzo-impianto-gpl-debimetro-corpo-farfallato-turbina-fumo-nero-otturata-utilità-utilizzo-quando-sostituirla-rimozione-rumorosa

Eliminazione EGR

Escludere la valvola EGR è sia una pratica illegale che sconsigliata. Sovente ci si trova in officina veicoli che hanno subito operazioni di EGR OFF molto approssimative e “artigianali”: lamierini che dovrebbero tappare la valvola o, nella migliore delle ipotesi, modifiche dei parametri centralina motore che però non tengono conto dei rapporti con gli altri componenti, magari applicate con software di dubbia provenienza.

come-eliminare-valvola-egr-off-software-iglesias-a-cosa-serve-costo-problemi-pulizia

Tra l’altro, con l’eliminazione, non si deve sperare in sensibili miglioramenti in termini di potenza: al massimo, si è riscontrata empiricamente dopo la rimozione, una migliore linearità in termini di accelerazione a bassi RPM.

Teniamo poi presente in questi casi che gli ossidi di azoto (NOx) liberati causano irritazione oculare e nasale, problemi alla gola e respiratori (sopratutto per bambini, asmatici o per chi ha funzionalità polmonari compromesse).

Prevenzione

Qualcosa invece può esser fatta a livello preventivo.

valvola-egr-quando-si-apre-cosa-comporta-egr-sporca-perché-perde-olio

Premesso che nella manutenzione programmata non è prevista la sostituzione della valvola EGR, sarebbe buona norma avviare una diagnosi sulla funzionalità del sistema, sopratutto se siamo a conoscenza di bassi chilometraggi e/o di un utilizzo urbano da parte del cliente.

Come accade anche in ambiti similari (lavaggio cambi automatici, flush motore, ecc.), le operazioni di lavaggio periodiche vanno eseguite con estrema regolarità dal momento dell’immatricolazione. In caso contrario i loro effetti possono rivelarsi altamente dannosi.

Quindi pulire la valvola EGR si, ma ad intervalli ben cadenzati.

Prevenire la formazione di depositi carboniosi è però un’operazione da svolgere tenendo a mente che il gasolio, per sua natura, presenta percentuali di zolfo eccessive per raggiungere una combustione ottimale, nonchè un numero di cetano non sufficiente. In questo senso, si sono dimostrati molto utili i prodotti additivi specifici per sopperire a questi deficit: modificatori, detergenti, rafforzatori, ecc. migliorano il profilo chimico del gasolio da un lato incrementando il cetano e dall’altro diminuendo lo zolfo. Il risultato è certamente un miglioramento delle prestazioni del combustibile, ma sopratutto una manutenzione che può allungare la vita ad un componente che, alle condizioni viste in precedenza, dopo una certa soglia di chilometri inizia inevitabilmente a difettare.

E voi che esperienze avete avuto con la valvola EGR?
Commentate con consigli e suggerimenti: sono sempre ben accetti!


7 risposte a “Valvola EGR: cos’è, a cosa serve, problemi, pulizia e costi”

  1. Buon giorno, come tutti i curiosi anche io ho sempre sentito questa EGR come un qualcosa di alieno. Prima di mettermi alla prova e smontare ho letto qualche articolo tra i quali questo della scuola Movento. Fortunatamente ho semplicemente pulito la valvola smontandola e lavandola bene. Avevo anche io montato in precedenza il classico lamierino ma avvertivo e non so se fosse una sensazione personale la turbina più squillante nel senso sonoro. Quindi ho smontato il lamierino, rimesso la valvola come d’origine e come detto prima ripulita per bene disincrostandola perchè aveva parecchia sporcizia accumulata nel tempo e rimontata. Non ho mai avuto problemi dopo questa operazione. La macchina è una golf IV TDI 110 cv. Consiglio vivissimo come accolto da questo articolo, controllarla a cadenza e pulirla. L’operazione è vero che è pallosa e richiede pazienza

  2. Buon giorno, come tutti i curiosi anche io ho sempre sentito questa EGR come un qualcosa di alieno. Prima di mettermi alla prova e smontare ho letto qualche articolo tra i quali questo della scuola Movento. Fortunatamente ho semplicemente pulito la valvola smontandola e lavandola bene. Avevo anche io montato in precedenza il classico lamierino ma avvertivo e non so se fosse una sensazione personale la turbina più squillante nel senso sonoro. Quindi ho smontato il lamierino, rimesso la valvola come d’origine e come detto prima ripulita per bene disincrostandola perchè aveva parecchia sporcizia accumulata nel tempo e rimontata. Non ho mai avuto problemi dopo questa operazione. La macchina è una golf IV TDI 110 cv. Consiglio vivissimo come accolto da questo articolo, controllarla a cadenza e pulirla. L’operazione è vero che è pallosa e richiede pazienza come tutti i lavori ma ne vale la pena.

  3. Ho comprato da circa 10 mesi una Toyota Yaris Hybrid e percorso 10 mila km. L’altro giorno si è piantata in mezzo alla strada perché la valvola EGR, a detta dell’autofficina Toyota, si è rotta a causa del cloro contenuto nella benzina. Toyota non riconosce la garanzia sul pezzo e devo affrontare una spesa di 1400 euro. Con l’assillo che fra qualche migliaio di km dovrò pagare altri 1400 euro. Posso andare avanti così? Possibile che Toyota non riconosca il difetto di questa valvola?

    • Buonasera,
      non è che non riconosce il difetto della valvola, non riconosce il danno causato dal carburante (questo in generale, non solo Toyota). Al massimo, ci si può rifare con il rifornitore per carburante annacquato: prova non facile da portare in sede civile, poichè è necessario dimostrare di aver rifornito in quel distributore e che il carburante presentava anomalie tali per cui l’EGR si è guastata.
      Saluti

  4. Salve a tutti, ho una Toyota Chr dal marzo 2017 con 80.000 km.
    Manutenzione fatta sempre in officina Toyota dal primo tagliando. Un mese fa, dopo l’ultimo tagliando è successo che si è accesa la spia della temperatura. In effetti mancava liquido del radiatore. ho fatto presente la cosa alla Toyota e mi hanno detto che deve essere sostituita la valvola egr e il tubo perchè irrimediabilmente usurato da benzina carica di cloro, che corrode la membrana dello scambiatore. Non ho capito benissimo la cosa, ma ho protestato con la toyota sostenendo che si tratta di un difetto del componente e non di usura. La Toyota non ne vuole sapere e io dovrei spendere circa 600euro per la riparazione. Per il momento ho già fatto altri 5000km e rabbocato 10lt di liquido nel radiatore, in attesa di capire meglio cosa fare. Se non prendo l’auto per qualche giorno, fa un gran fumo bianco, tipo quello di un’auto che sta fondendo, ma non è il mio caso. Che cosa mi suggerite? grazie

    • Buongiorno Ottavio,
      in caso di manutenzione comprovabile in officina Toyota e di garanzia ancora attiva in data odierna, Le consigliamo di rivolgersi direttamente a Toyota Italia descrivendo con precisione l’accaduto e allegando la relativa documentazione. Meglio se il reclamo perviene via PEC o raccomandata A/R. Purtroppo può capitare che la concessionaria/officina autorizzata riconosca delle cause ostative che senza dubbio devono essere analizzate caso per caso (ad esempio, Toyota come le ha dimostrato l’usura?).

      Qualora il reclamo non vada a buon fine, sia appurata la non usura del danno ed i presupposti di cui sopra continuano ad essere validi, Le consigliamo di farsi affiancare dall’ente tutela consumatori.

      Se lo desidera, ci tenga informati sulle novità,
      Buona giornata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.